Mutui e Finanziamenti, come scegliere




Seleziona il Comune di interesse

Il mutuo può essere richiesto per il consolidamento dei debiti. Serve a estinguere i debiti in corso, anche per coprire mutui preesistenti, e avere così una sola rata da pagare più bassa della somma delle rate precedenti.

Il tasso variabile a rata costante è anche definito a durata variabile. Il tasso è variabile ma l’importo della rata è fissato all’inizio del mutuo, tale formula va a modificare solo la durata del prestito.

Fornire i propri requisiti alla banca che eroga il prestito è di fondamentale importanza. Ecco alcune informazioni da comunicare:una dichiarazione di non avere debiti ovvero di averne; in quest'ultimo caso occorre precisare l'importo e l'identità dei creditori, il reddito netto mensile.

Il pegno è una delle garanzie che le banche chiedono nell’erogazione di un mutuo. Il pegno conferisce al creditore di usufruire del ricavato della vendita all’asta del bene nel caso di insolvenza del debito. È necessario che il pegno sia costituito mediante atto scritto dove vi è indicato il credito garantito e il bene.

La perizia è una delle fasi preparatorie per la concessione di un mutuo. Un perito incaricato dal richiedente esamina con attenzione il bene che è stato presentato come garanzia, ne esamina le caratteristiche giuridiche e tecniche e ne indica il valore.

Tra i costi da sostenere per la richiesta del mutuo è presente anche l’imposta sostitutiva. È una spesa imposta per legge nella misura dello 0,25% sull’importo erogato nel erogante è una banca o una finanziaria parificata e si acquista un immobile ad uso abitativo per il quale si può usufruire delle agevolazioni prima casa.

Promotori finanziari iscritti all'albo per la regione Lombardia

“Consigli sui Mutui”