Mutui e Finanziamenti, come scegliere




La richiesta di un mutuo serve anche a terminare, o ampliare, la costruzione di un immobile a uso abitativo. L’edificio deve essere stato completato per il 60% del totale e non sono previste detrazioni fiscali per questa richiesta.

Il tasso fisso è uno dei requisiti più apprezzati quando si richiede un mutuo. Il tasso fisso è una formula in cui l'ammontare degli interessi viene determinato all'inizio e non varia per tutta la durata del prestito.

Fornire i propri requisiti alla banca che eroga il prestito è di fondamentale importanza. Ecco alcune informazioni da comunicare: le persone a carico; l'occupazione attuale, se dipendente o lavoratore autonomo;l'anzianità di servizio o di lavoro autonomo

La cambiale ipotecaria è una delle garanzie che le banche chiedono nell’erogazione di un mutuo. È rappresentata da un credito cartolare, un diritto di credito presente nel documento, che offre la garanzia al creditore, in caso di mancato pagamento, di ottenere il saldo del debito prima degli altri creditori.

L’apertura dell’istruttoria è una delle fasi preparatorie per la concessione di un mutuo. Il debitore presenta tutti i dati, dalle sue condizioni economiche agli scopi per la richiesta del prestito, all’istituto bancario per la valutazione preliminare della domanda.

Tra i costi da sostenere per la richiesta del mutuo è necessario calcolare anche le spese notarili. Tali spese variano a seconda del tipo di professionista a cui ci si rivolge, dall’atto, dall’importo dell’ipoteca e dall’ente erogante. Oltre alla parcella del professionista bisogna tenere presente anche le imposte dovute allo Stato.

Promotori finanziari iscritti all'albo per la regione Veneto

“Consigli sui Mutui”