Mutui e Finanziamenti, come scegliere




La finalità di un mutuo può essere anche il trasferimento di uno esistente dalla propria banca a un’altra, lo scopo è di ottenere migliori condizioni economiche senza sostenere ulteriori costi notarili o bancari.

Il tasso variabile a rata costante è anche definito a durata variabile. Il tasso è variabile ma l’importo della rata è fissato all’inizio del mutuo, tale formula va a modificare solo la durata del prestito.

Fornire i propri requisiti alla banca che eroga il prestito è di fondamentale importanza. Ecco alcune informazioni da comunicare: i dati anagrafici del richiedente o dei richiedenti il finanziamento; la residenza; l'attuale abitazione, se in affitto, in proprietà o se presso terzi.

Le opzioni put contro il negative equity sono delle garanzie che la banca richiede nel caso di erogazione del mutuo, si tratta di opzioni atte a scongiurare il rischio di svalutazione dell'immobile posto a garanzia del mutuo.

La concessione del mutuo è seguita da particolari fasi preparatorie. È possibile riassumere queste azioni nel seguente ordine: preventivi, apertura dell’istruttoria, perizia e accertamenti, chiusura dell’istruttoria, atto di mutuo.

Per la richiesta del mutuo occorre sostenere delle spese, tra queste c'è l’istruttoria della pratica. Si tratta della fase in cui la banca stabilisce se il finanziamento può essere erogato o meno. Il costo è fisso o variabile: tra i 180 e i 300 euro se fisso, tra lo 0,1 e lo 0,5% se variabile.

Promotori finanziari iscritti all'albo per la regione Marche

“Consigli sui Mutui”